mercoledì 5 agosto 2020

Confronto al 5 agosto tra nuove diagnosi di malattia (sintomatici) e positivi allo screening (infezioni asintomatiche)

Dal 25 giugno i prospetti giornalieri della PC comprendono due categorie di soggetti positivi al Covid-19, ovvero quelli:
  • identificati dal sospetto diagnostico per la presenza di sintomi recenti, ricoverati o seguiti a domicilio oppure
  • tamponi positivi a seguito di screening in asintomatici (tamponi eseguiti su operatori sanitari, in pre-ricovero per intervento chirurgico, contatti stretti di una caso clinico, presenza di IgG anti-Covid etc..).
  • Per monitorare la pandemia è importante il confronto tra nuovi casi con sintomi, espressione di un contagio in atto (incidenza giornaliera), rispetto ai soggetti asintomatici positivi al tampone, che indica un'infezione pregressa di settimane o mesi (prevalenza dall'inizio della pandemia).
A-Confronto tra il 4 e il 5 agosto (dati nazionali)


Dati al 4/8Dati al  5/8DifferenzaPercentuale
Totale positivi248419248803      384
Totale sintomatici222954223044        9023%
Totale screening2546525759       29477%
Ricoverati761764        +3
In terapia inten.41     41            0
Deceduti3517135181        10
B-Evoluzione dei dati nazionali e lombardi dal 12/7
Lombardia fornisce giornalmente il dato dell'incremento rispetto al giorno precedente con il
dettaglio relativo ai due sottogruppi dei positivi debole e dopo sierologia, oltre ai decessi. Di seguito anche il grafico di confronto tra positivi per sospetto diagnostico e per screening.

In Lombardia tra il 20 e il 26 luglio sono stati individuati 412 casi di cui

  • 363 sono da attribuire a catene di contagio non note (casi isolati)
  • 211 sono risultati portatori allo screening dopo sierologia positiva



















Casistica nazionale al 5 agosto


C-Confronto tra il 27 giugno e il 4 agosto (dati nazionali)


Dati al 27/6Dati al 3/8Differenza
Totale positivi240116248803            8687
Totale sintomatici223362223044            -318
Totale screening1687425759            8885 



COMMENTO. I dati odierni raddoppiano rispetto a ieri (384 su 159) per l'apporto dei casi lombardi che triplicano (+110 per diagnosi e + 28 per screening). Aumenta il divario tra positivi asintomatici per screening (+294, per il 77%) rispetto a quelli individuati per sospetto diagnostico (+90 per il 23%). Tra le regioni con il maggiore incremento si segnala la Lombardia (+138) per il focolaio individuato in un'azienda agricola mantovana (oltre 62 positivi, perlopiù asintomatici, diventati oggi 97) il Piemonte e la Sicilia (+21), il Veneto (+41), l'ER (+47) e la Puglia (+23); nell'epicentro lombardo i decessi sono 5 (10 a livello nazionale) e i tamponi sono aumentati a 9260. Si riduce a livello nazionale il divario tra i due dati rispetto al 27 giugno, che vede in negativo di -318 casi i soggetti individuati per sospetto diagnostico rispetto a quelli per screening +8885.

Per valutare l'evoluzione della pandemia è indispensabile il confronto temporale dei dati - rilevati giornalmente, settimanalmente e dall'inizio del monitoraggio - tra la percentuale di nuove diagnosi rispetto agli asintomatici positivi allo screening.

Sull'importanza di distinguere tra nuovi casi identificati per la presenza di sintomi (malattia da Covid-19) dai casi asintomatici individuati per screening con tampone (infezione) si veda l'articolo:
Al link le problematiche statistico-epidemiologiche e cliniche dell'evoluzione pandemica:

F-Sorveglianza Integrata Epicentro ISS al 31 luglio: Proporzione (%) di casi di COVID-19 segnalati in Italia negli ultimi 30 giorni per stato clinico e classe di età (dato disponibile per 4.388 casi)





Al link l'11° monitoraggio settimanale: 
http://www.quotidianosanita.it/studi-e-analisi/articolo.php?articolo_id=87523

martedì 4 agosto 2020

Confronto al 4 agosto tra nuove diagnosi di malattia (sintomatici) e positivi allo screening (infezioni asintomatiche)

Dal 25 giugno i prospetti giornalieri della PC comprendono due categorie di soggetti positivi al Covid-19, ovvero quelli:
  • identificati dal sospetto diagnostico per la presenza di sintomi recenti, ricoverati o seguiti a domicilio oppure
  • tamponi positivi a seguito di screening in asintomatici (tamponi eseguiti su operatori sanitari, in pre-ricovero per intervento chirurgico, contatti stretti di una caso clinico, presenza di IgG anti-Covid etc..).
  • Per monitorare la pandemia è importante il confronto tra nuovi casi con sintomi, espressione di un contagio in atto (incidenza giornaliera), rispetto ai soggetti asintomatici positivi al tampone, che indica un'infezione pregressa di settimane o mesi (prevalenza dall'inizio della pandemia).
A-Confronto tra il 3 e il 4 agosto (dati nazionali)


Dati al 3/8 Dati al  3/8 Differenza Percentuale
Totale positivi 248229 248419       190
Totale sintomatici 222891 222954         63 33%
Totale screening 25338 25465        127 67%
Ricoverati 734 761          27
In terapia inten. 41      41              0
Deceduti 35166 35171            5

B-Evoluzione dei dati nazionali e lombardi dal 12/7


























La Lombardia fornisce giornalmente il dato dell'incremento rispetto al giorno precedente con il
dettaglio relativo ai due sottogruppi dei positivi debole e dopo sierologia, oltre ai decessi. Di seguito anche il grafico di confronto tra positivi per sospetto diagnostico e per screening.

In Lombardia tra il 20 e il 26 luglio sono stati individuati 412 casi di cui
  • 363 sono da attribuire a catene di contagio non note (casi isolati)
  • 211 sono risultati portatori allo screening dopo sierologia positiva



















C-Confronto tra il 27 giugno e il 4 agosto (dati nazionali)


Dati al 27/6Dati al 3/8Differenza
Totale positivi240116248419            8303
Totale sintomatici223362222954      -408
Totale screening1687425465     8582 


COMMENTO. I dati odierni aumentano lievemente rispetto a quelli di ieri (190 su 159) in ripresa dopo la fisiologica riduzione domenicale dei tamponi. Si riduce il divario tra positivi asintomatici per screening (+127, per il 67%) rispetto a quelli individuati per sospetto diagnostico (+63 per il 33%). Tra le regioni con il maggiore incremento si segnala la Lombardia (+44 ), l'ER (+42 ), il Veneto (+20) e il Lazio (+15); nell'epicentro lombardo i decessi sono 1 (5 a livello nazionale) e i tamponi 5696. Si riduce a livello nazionale il divario tra i due dati rispetto al 27 giugno, che vede in negativo di -408 casi i soggetti individuati per sospetto diagnostico rispetto a quelli per screening +8582.

Per valutare l'evoluzione della pandemia è indispensabile il confronto temporale dei dati - rilevati giornalmente, settimanalmente e dall'inizio del monitoraggio - tra la percentuale di nuove diagnosi rispetto agli asintomatici positivi allo screening.

Sull'importanza di distinguere tra nuovi casi identificati per la presenza di sintomi (malattia da Covid-19) dai casi asintomatici individuati per screening con tampone (infezione) si veda l'articolo:
Al link le problematiche statistico-epidemiologiche e cliniche dell'evoluzione pandemica:

F-Sorveglianza Integrata Epicentro ISS al 31 luglio: Proporzione (%) di casi di COVID-19 segnalati in Italia negli ultimi 30 giorni per stato clinico e classe di età (dato disponibile per 4.388 casi)





Al link l'11° monitoraggio settimanale: 
http://www.quotidianosanita.it/studi-e-analisi/articolo.php?articolo_id=87523

lunedì 3 agosto 2020

Pandemia in Lombardia: comuni interessati dai micro-focolai e risultati dell'indagine sierologica

Si precisa la situazione epidemiologica lombarda grazie ai dati dettagliati sui micro-focolai di Covid-19 registrati nella seconda metà di Luglio sul territorio lombardo. Si tratta di focolai composti da 3 a massimo 10 casi, in genere di origine familiare, sparsi più che altro nei paesi e nelle città di piccole dimensioni dell'hinterland milanese. Micro-focolai che vanno avanti per settimane prima di spegnersi, per via del contagio intra-familiare, grazie ai provvedimenti di isolamento dei contatti e di contenimento. Un numero consistente di questi casi sarebbe di importazione.

Ecco la distribuzione geografica dei micro-focolai nei comuni delle province lombarde
  • Bergamo: Albino e Nembro
  • Brescia: Botticino, Bedizzole, Palazzolo sull'Oglio
  • Milano: Cologno Monzese, Cormano, Buccinasco, Segrate
  • Varese: Somma Lombardo, Uboldo, Besnate
L'incidenza dei casi su 100 mila abitanti varia da 1 a Pavia fino a 8 casi nel mantovano, con una media regionale di 4,13 rispetto al dato nazionale di 5,1, mentre l'Rt si ferma a 0.96 rispetto alla media nazionale di 0.98. Il dato rassicurante è che non sembra vi siano in questi focolai dei grandi diffusori del Covid-19, o perlomeno che le misure di contenimento adottate abbiano impedito l'allargamento del contagio oltre la cerchia familiare.

In Lombardia tra il 20 e il 26 luglio sono stati individuati complessivamente 412 casi di cui
  • 363 sono da attribuire a catene di contagio non note (casi isolati)
  • 211 sono risultati portatori allo screening dopo sierologia positiva
INDAGINE SIEROLOGICA NAZIONALE

La prevalenza di sieropositività è del 2,5% a livello nazionale con il livello massimo in Lombardia del 7.5% pari a 750 mila soggetti positivi - intervallo di confidenza tra 3.8 e 6.8 - e quello minimo dello 0,3% in Sicilia e Sardegna. La sieroprevalenza è più alta nelle province di Bergamo (24%) e di Cremona (19%). Tra le professioni, il 5,3% è risultato positivo in ambito sanitario e il 4,2% tra chi lavora nella ristorazione. La trasmissione è stata in prevalenza intra-familiare. Infine dall'indagine sierologica nazionale è emerso che
  • gli asintomatici sono il 27,3%  
  • quelli con 1-2 sintomi (febbre, tosse o mal di testa) il 23,4%
  • quelli con 3 o più (febbre, anosmia/ageusia, sindr. influenzale, tosse, cefalea) il 41,5%
https://www.slideshare.net/slideistat/primi-risultati-dellindagine-di-sieroprevalenza-sarscov2

Di seguito i grafici sull'evoluzione dei contagi e dei positivi dopo screening sierologico dalla seconda metà di luglio.



Confronto al 3 agosto tra nuove diagnosi di malattia (sintomatici) e positivi allo screening (infezioni asintomatiche)

Dal 25 giugno i prospetti giornalieri della PC comprendono due categorie di soggetti positivi al Covid-19, ovvero quelli:
  • identificati dal sospetto diagnostico per la presenza di sintomi recenti, ricoverati o seguiti a domicilio oppure
  • tamponi positivi a seguito di screening in asintomatici (tamponi eseguiti su operatori sanitari, in pre-ricovero per intervento chirurgico, contatti stretti di una caso clinico, presenza di IgG anti-Covid etc..).
  • Per monitorare la pandemia è importante il confronto tra nuovi casi con sintomi, espressione di un contagio in atto (incidenza giornaliera), rispetto ai soggetti asintomatici positivi al tampone, che indica un'infezione pregressa di settimane o mesi (prevalenza dall'inizio della pandemia).
A-Confronto tra il 2 e il 3 agosto (dati nazionali)

Dati al 2/8 Dati al  3/8 Differenza Percentuale
Totale positivi 248070 248229        159
Totale sintomatici 222877 222891         14 9%
Totale screening 25193 25338        145 91%
Ricoverati 708 734         26
In terapia inten. 42 41          -1
Deceduti 35154 35166         12

B-Evoluzione dei dati nazionali e lombardi dal 12/7



























La Lombardia fornisce giornalmente il dato dell'incremento rispetto al giorno precedente con il dettaglio relativo ai due sottogruppi dei positivi debole e dopo sierologia, oltre ai decessi. Di seguito anche il grafico di confronto tra positivi per sospetto diagnostico e per screening.

In Lombardia tra il 20 e il 26 luglio sono stati individuati 412 casi di cui
  • 363 sono da attribuire a catene di contagio non note (casi isolati)
  • 211 sono risultati portatori allo screening dopo sierologia positiva





C-Confronto tra il 27 giugno e il 3 agosto (dati nazionali)


Dati al 27/6 Dati al 3/8 Differenza
Totale positivi 240116 248229      8113
Totale sintomatici 223362 222891       -471
Totale screening 16874 25338      8466 


COMMENTO. I dati odierni diminuiscono rispetto a quelli di ieri (159 su 239) per la riduzione domenicale dei tamponi. Rimane netta la prevalenza dei positivi asintomatici per screening (+145,  per l' 81%) rispetto a quelli individuati per sospetto diagnostico (+14 per il 9%) pur considerando la fisiologica diminuzione dei tamponi. Tra le regioni con il maggiore incremento rispetto a ieri si segnala la Lombardia (+25), l'ER (+34) e il Piemonte (+22) mentre nell'epicentro lombardo i decessi sono 3 (12 a livello nazionale). Resta sempre elevato a livello nazionale il divario tra i due dati rispetto al 27 giugno, che vede in negativo di -471 casi i soggetti individuati per sospetto diagnostico rispetto a quelli per screening + .

Per valutare l'evoluzione della pandemia è indispensabile il confronto temporale dei dati - rilevati giornalmente, settimanalmente e dall'inizio del monitoraggio - tra la percentuale di nuove diagnosi rispetto agli asintomatici positivi allo screening.

Sull'importanza di distinguere tra nuovi casi identificati per la presenza di sintomi (malattia da Covid-19) dai casi asintomatici individuati per screening con tampone (infezione) si veda l'articolo:
Al link le problematiche statistico-epidemiologiche e cliniche dell'evoluzione pandemica:

F-Sorveglianza Integrata Epicentro ISS al 31 luglio: Proporzione (%) di casi di COVID-19 segnalati in Italia negli ultimi 30 giorni per stato clinico e classe di età (dato disponibile per 4.388 casi)





Al link l'11° monitoraggio settimanale: 
http://www.quotidianosanita.it/studi-e-analisi/articolo.php?articolo_id=87523

domenica 2 agosto 2020

Confronto al 2 agosto tra nuove diagnosi di malattia (sintomatici) e positivi allo screening (infezioni asintomatiche)

Dal 25 giugno i prospetti giornalieri della PC comprendono due categorie di soggetti positivi al Covid-19, ovvero:
  • identificati dal sospetto diagnostico in presenza di sintomi recenti, ricoverati o seguiti a domicilio (incidenza di nuovi casi di Covid-19)
  • tamponi positivi a seguito di screening in asintomatici (tamponi eseguiti su operatori sanitari, in pre-ricovero per intervento chirurgico, contatti stretti di una caso clinico, presenza di IgG anti-Covid etc..).
  • Per monitorare la pandemia è importante il confronto tra nuovi casi con sintomi, espressione di un contagio in atto (incidenza giornaliera), rispetto ai soggetti asintomatici positivi al tampone, che indica un'infezione pregressa di settimane o mesi (prevalenza).
A-Confronto tra 1 e 2 agosto (dati nazionali)

Dati al 01/8 Dati al  02/8 Differenza Percentuale
Totale positivi 247832 248070         239
Totale sintomatici 222815 222877           62 20%
Totale screening 25017 25195          176 80%
Ricoverati 705 708            3
In terapia inten. 43 42           -1
Deceduti 35146 35154            8

B-Evoluzione dei dati nazionali e lombardi dal 12/7










Medie e percentuali del periodo 12 luglio -2 agosto




La Lombardia fornisce giornalmente il dato dell'incremento rispetto al giorno precedente con il dettaglio relativo ai due sottogruppi dei positivi debole e dopo sierologia, oltre ai decessi













C-Confronto tra 27 giugno e 2 agosto e settimanale

Dati al 27/6 Dati al 2/8 Differenza
Totale positivi 240116 248070     7954
Totale sintomatici 223362 222877     -485
Totale screening 16874 25193      8319


COMMENTO. I casi odierni diminuiscono rispetto a ieri (239 rispetto a 295); la prevalenza dei positivi asintomatici per screening resta stabile (+176, pari al 80%) rispetto a quelli individuati per sospetto diagnostico (+62 pari al 20%). Tra le regioni con il maggiore incremento rispetto a ieri si segnala la Lombardia (+38), l'ER (+49) e il Piemonte (+45) mentre nell'epicentro lombardo i decessi sono 9 (5 a livello nazionale) a fronte di tamponi eseguiti. Resta sempre elevato il divario tra i due dati rispetto al 27 giugno, che vede in negativo di -485 casi i soggetti individuati per sospetto diagnostico rispetto a giugno

Per monitorare l'evoluzione della pandemia è importante valutare l'andamento temporale distinguendo i nuovi casi identificati per la presenza di sintomi (incidenza di malattia da Covid-19) dai casi asintomatici individuati per screening con tampone (prevalenza dell'infezione); in proposito si veda l'articolo:
Al link le problematiche statistico-epidemiologiche e cliniche dell'evoluzione pandemica:
D-Sintesi dei dati relativi alla settimana dal 13 al 19 luglio (10° rapporto settimanale ISS): totale nuovi casi segnalati nella settimana 1341, di cui per screening 549 (41%)

F-Sorveglianza Integrata Epicentro ISS al 31 luglio: Proporzione (%) di casi di COVID-19 segnalati in Italia negli ultimi 30 giorni per stato clinico e classe di età (dato disponibile per 4.388 casi)






sabato 1 agosto 2020

Confronto al 1 agosto tra nuove diagnosi di malattia (sintomatici) e positivi allo screening (infezioni asintomatiche)

Dal 25 giugno i prospetti giornalieri della PC comprendono due categorie di soggetti positivi al Covid-19, ovvero quelli:
  • identificati dal sospetto diagnostico per la presenza di sintomi recenti, ricoverati o seguiti a domicilio oppure (incidenza di nuovi casi di Covid-19)
  • tamponi positivi a seguito di screening in asintomatici (tamponi eseguiti su operatori sanitari, in pre-ricovero per intervento chirurgico, contatti stretti di una caso clinico, presenza di IgG anti-Covid etc..).
  • Per monitorare la pandemia è importante il confronto tra nuovi casi con sintomi, espressione di un contagio in atto (incidenza giornaliera), rispetto ai soggetti asintomatici positivi al tampone, che indica un'infezione pregressa di settimane o mesi (prevalenza).
A-Confronto tra il 31 luglio e 1 agosto(dati nazionali)

Dati al 31/7 Dati al  1/8 Differenza Percentuale
Totale positivi 247537 247832 295
Totale sintomatici 222744 222815 71 24%
Totale screening 24793 25017 224 76%
Ricoverati 716 705 -11
In terapia inten. 41 43 2
Deceduti 35141 35146 5

B-Evoluzione dei dati nazionali e lombardi dal 12/7




Medie e percentuali del periodo 12 luglio -1 agosto



La Lombardia fornisce giornalmente il dato dell'incremento rispetto al giorno precedente con il dettaglio relativo ai due sottogruppi dei positivi debole e dopo sierologia, oltre ai decessi





















C-Confronto tra 27 giugno e 1 agosto e settimanale


Dati al 27/6 Dati al 1/8 Differenza
Totale positivi 240116 247832 7716
Totale sintomatici 223362 222815 -547
Totale screening 16874 25017 8143




COMMENTO. I casi odierni diminuiscono rispetto a ieri (da 379 a 295) e la prevalenza dei positivi asintomatici per screening resta elevata (+224, pari al 76%) mentre aumentano quelli individuati per sospetto diagnostico rispetto a ieri (+71 pari al 24%). Tra le regioni con il maggiore incremento rispetto a ieri si segnala la Lombardia (+55 ) il Veneto (+46), l'ER (+56) il Piemonte (+16) e la Puglia (+20) mentre nell'epicentro lombardo i decessi sono 4 (5 a livello nazionale) a fronte di  tamponi eseguiti. Resta sempre elevato il divario tra i due dati rispetto al 27 giugno, che vede in negativo di -547 casi i soggetti individuati per sospetto diagnostico rispetto a giugno

Per monitorare l'andamento della pandemia è importanza valutare l'evoluzione temporale distinguendo i nuovi casi identificati per la presenza di sintomi (incidenza di malattia da Covid-19) dai casi asintomatici individuati per screening con tampone (prevalenza dell'infezione); si veda l'articolo:
Al link le problematiche statistico-epidemiologiche e cliniche dell'evoluzione pandemica:
D-Sintesi dei dati relativi alla settimana dal 13 al 19 luglio (10° rapporto settimanale ISS): totale nuovi casi segnalati nella settimana 1341, di cui per screening 549 (41%)



E-Nuovi focolai regionali alla settimana dal 13 al 19 luglio (10° rapporto settimanale ISS): i focolai attivi sono la metà (49%) mentre i nuovi casi di origine ignota sono il 38%.



F-Sorveglianza Integrata Epicentro ISS al 31 luglio: Proporzione (%) di casi di COVID-19 segnalati in Italia negli ultimi 30 giorni per stato clinico e classe di età (dato disponibile per 4.388 casi)




venerdì 31 luglio 2020

Confronto al 31 luglio tra nuove diagnosi di malattia (sintomatici) e positivi allo screening (infezioni asintomatiche)

Dal 25 giugno i prospetti giornalieri della PC comprendono due categorie di soggetti positivi al Covid-19, ovvero quelli:

  • identificati dal sospetto diagnostico per la presenza di sintomi recenti, ricoverati o seguiti a domicilio oppure
  • tamponi positivi a seguito di screening in asintomatici (tamponi eseguiti su operatori sanitari, in pre-ricovero per intervento chirurgico, contatti stretti di una caso clinico, presenza di IgG anti-Covid etc..).
  • Per monitorare la pandemia è importante il confronto tra nuovi casi con sintomi, espressione di un contagio in atto (incidenza giornaliera), rispetto ai soggetti asintomatici positivi al tampone, che indica un'infezione pregressa di settimane o mesi (prevalenza).
A-Confronto tra il 30 e il 31 luglio (dati nazionali)

Dati al 30/7 Dati al  31/7 Differenza Percentuale
Totale positivi 246159 247537 379
Totale sintomatici 222720 222744 24 6%
Totale screening 24438 24793 355 94%
Ricoverati 748 716 -32
In terapia inten. 47 41 -6
Deceduti 35132 35141 9

B-Evoluzione dei dati nazionali e lombardi dal 12/7












Medie del periodo 12-31 luglio

Al 31/7 Totale Media Percentuale
Tot. positivi  4719 236
-Diagnosi 748 37 16%
-Screening 3960 198 84%

La Lombardia fornisce giornalmente il dato dell'incremento rispetto al giorno precedente con il dettaglio relativo ai due sottogruppi dei positivi debole e dopo sierologia, oltre ai decessi.



C-Confronto tra il 27 giugno e il 30 luglio e settimanale

Dati al 27/6 Dati al 31/7 Differenza
Totale positivi 240116 247537 7416
Totale sintomatici 223362 222744 -618
Totale screening 16874 24793 7919




COMMENTO. I casi odierni diminuiscono di poco rispetto a ieri ma aumenta considerevolmente la prevalenza dei positivi asintomatici per screening (+355, pari al 94%) mentre diminuiscono nettamente quelli individuati per sospetto diagnostico sia in valore assoluto che in percentuale (+ 24 pari al 6%). Tra le regioni con il maggiore incremento rispetto a ieri si segnala la Lombardia (+77) il Veneto (+117) l'ER (+36) il Lazio (+18), le Marche (+21), la Sicilia (+16) e Bolzano (+15) mentre nell'epicentro lombardo i decessi sono 4 (9 a livello nazionale) a fronte di 8348 tamponi eseguiti. Resta sempre elevato il divario tra i due dati rispetto al 27 giugno, che vede in negativo di -618 casi i soggetti individuati per sospetto diagnostico rispetto a giugno

Per monitorare l'andamento della pandemia è importanza valutare e distinguere i nuovi casi identificati per la presenza di sintomi (incidenza di malattia da Covid-19) dai casi asintomatici individuati per screening con tampone (prevalenza dell'infezione); si veda l'articolo:
Al link le problematiche statistico-epidemiologiche e cliniche dell'evoluzione pandemica:


D-Sintesi dei dati relativi alla settimana dal 13 al 19 luglio (10° rapporto settimanale ISS): totale nuovi casi segnalati nella settimana 1341, di cui per screening 549 (41%)


E-Nuovi focolai regionali alla settimana dal 13 al 19 luglio (10° rapporto settimanale ISS): i focolai attivi sono la metà (49%) mentre i nuovi casi di origine ignota sono il 38%.


F-Sorveglianza Integrata Epicentro ISS al 26 luglioProporzione (%) di casi di COVID-19 segnalati in Italia negli ultimi 30 giorni per stato clinico e classe di età (dato disponibile per 4.279 casi